Skip directly to content

Cosa sono i dolori muscolari

Dolori muscolari
Dolori muscolari

I dolori muscolari, detti anche mialgie, possono essere localizzati o generalizzati e possono insorgere per cause molto diverse, così come sono variabili anche l'entità e la durata del dolore: tutti abbiamo sperimentato un dolore muscolare transitorio, ma questo può essere anche molto intenso e prolungato. In ogni caso, il muscolo o i gruppi muscolari interessati appaiono contratti e dolenti alla palpazione e anche lievi movimenti possono provocare intenso dolore.

Il dolore può essere provocato

  • da un crampo, ovvero dalla contrazione involontaria di un muscolo;
  • da uno stiramento muscolare, ovvero da un trauma che interessa la struttura muscolare; gli stiramenti sono causati dall’eccessiva estensione di un muscolo che provoca la lacerazione di alcune delle fibre che compongono il muscolo stesso. Gli stiramenti sono generalmente accompagnati da gonfiore e debolezza del muscolo interessato
  • da una contrattura, ovvero da una contrazione del muscolo superiore alle possibilità del muscolo stesso. Le contratture provocano dolore e rigidità delle fibre muscolari interessate.
  • Dall’attività fisica, anche amatoriale (ad esempio una corsa, una partita di calcio fra amici, un’escursione in montagna), specialmente dopo un lungo periodo di inattività specifica.

DOLORI ARTICOLARI

I dolori possono colpire anche le articolazioni, ed anche in questo caso le cause possono essere molteplici.

Le distorsioni sono una causa comune di dolore articolare. Una distorsione è un trauma che si verifica a seguito di uno spostamento innaturale di un arto; questo provoca uno stiramento dei legamenti che collegano le ossa le une con le altre. Le distorsioni sono più comuni alle caviglie e ai polsi.

Un’altra causa molto comune di dolore articolare è l’osteoartrite. Si tratta di una condizione in cui la cartilagine che fa da “cuscinetto” fra le ossa si consuma progressivamente. L’erosione di questo “cuscinetto” causa dolore, limitazione nei movimenti e rigidità nell’articolazione interessata. Questi sintomi tipicamente sono più intensi quando l’articolazione viene sollecitata eccessivamente, ma anche in seguito a lunghi periodi di inattività.